IL CENTRO-DESTRA PERDE LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

Il centro-destra perde le elezioni amministrative in tutta

la penisola.

A milano vince la sedia di Sindaco Giuliano Pisapia, mentre

a Napoli è vincitore nella tornata del ballottaggio sempre

Luigi De Magistris.

A Napoli, in particolare sono avvenuti alcuni scontri tra i

sostenitori del centro-destra e i sostenitori del centro-sinistra.

 

                                                     A. Rinaldi

 

 

 

IL GOVERNO TENTA LA MEDIAZIONE

Il Governo tenta la mediazione sulla sortita della Lega circa la volontà

di trasferimento di alcuni ministeri al nord.

Non si comprende tuttavia se i ministeri dovrebbero essere in via di

trasferimento in nome di un federalismo delle regioni o di un federalismo

esclusivo del nord.

Se poi si considera che ciò avviene in tempi di crisi economica e politica

dettata dal disimpegno sostanziale riguardo alle problematiche del diritto

privato e del diritto comune al progresso ( beninteso che altri impegni

come la indebita registrazione di diritti costituenti brevetti altrui, non

supportano da essi di fatto diritto alcuno a vantaggio nazionale, né

fattivo diritto a quanti esclusivamente dediti all’arte dell’appropriazione

illecita, quando e di fatti, quote dei medesimi diritti sono concesse

ad enti internazionali e organizzazioni mondiali nella forma dell’atto

semplice, ma di per sé valido e legale.

Cosa abbiano fatto per impegni fino ad oggi personaggi della politica

locale e nazionale e per instaurare rapporti di condivisione e di reciproco

delle istanze tra cittadini e Stati per il bene collettivo, che non fossero 

or solo quelli di indispettire il cittadino concedente e l’impegno nella

vocazione e professione dell’agire per sola dimenticanza e irrispondenza,

davvero per quanto altro non si sa ), si può certamente non dubitare

che sia stata approvata all’unanimità anche una legge sul disimpegno

e sul diritto alla finction.

Chissà poi se anche l’Europa perderà con l’Italia di fatto la torta o solo

una parte di un quanto senza che faccia tanto.

 

                                                                         A. R.

 

 

 

 

 

                                             

LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE INDICANO UN DECLINO DELLA DESTRA BERLUSCONIANA E TUTTAVIA LE FORZE DI COALIZIONE DEL GOVERNO BERLUSCONI CHIEDONO IL TRASFERIMENTO DI ALCUNI MINISTERI ESSENZIALI AL NORD;

E’ di fatti un inestricabile tormmentone!

 

———————————————————————–

 

Se fosse possibile il gioco della frammentazione non sarebbe più possibile che

la Padania dei Patri Ari e Lari Atuni Matuni e Patuni e Patuli pur dei Catuni

Amuni  Camuni ( Di Amunio Camunio Padano Pataneo il VECCHIO e il  GIOVANE  

dei Liberi di Libero Libero Jove Plinio Dell’Orna e della Corna di Cornelio Amelio

Dell’Elmi della Vecchia e della Pozza dei Fati  di Mageo Magene di  Satreo Narene

di kronos dei Teneo di Tene e Atreo Creneo Acreo Acrisio di Oneo Meneo  Moneo

della Tempa Tene Satreo Setene di Metene Meneo Metello di Castene dell’Astriere  

Dell’Alce dell’Alcene dell’Ocra dei Poci Toci dell’Arni d’Arce di Brantemarte Atamante

Joveno  Atunio e Aturno Padano dei Pati di Ateo Atreo Jove degli Spati Pati e Patri

di Patreo dell’Urni di Satu Marte Artore di Cene e di Celene del’Arni Argani di Argeo

Aggeo

… ) che ancor rimandarne ne possa di un fiume per la specie di fatto della specula

 la speme per la virtù dei flutti e perché nientemeno della Fortuna degli uomini

 il Dio assida!.

Di fatto pare che la Lega Lombarda e quanti aderentivi credono di esserie del popolo

dei padani perché eredi dei  ” lumbard ” o delle ” genti del nord “, na nei fatti

furono i normanni che diedero vita alla Lombardia e fu con gli affini  Longobardi che

che i Lombardi divennero Lombardi.

Ora i Lombardi erano quanto i normanni avi dell’imperatore Federico II, un vero

barbaro, ma non amato più al suo tempo in quanto ne si era educato e incivilito.

 

Si può essere Padani e al tempo stesso Camuni delle radici di Camunio Amunio Amulio

Cornelio, e ancora in egual tempo dirsi figli di Thor e Korn ( come da tempo non

ricordava, or certo da millenni fa lo stesso Amunio essendo egli istato per primo

dei diritto dell’Orna degli Orneli e di Libero  Areo Arteo degli Orneli della Corna

Alta e corna Bassa di Kroneo Oneo Moneo)?

Ed è forse giusto dirsi eredi dei Longobardi e dei Barbari e muovere ” il carroccio “,

pur se simbolicamente contro colui che era di fatto l’erede dei Barbari, dei Normanni

Svevo-Longobardi?

                                                                          A. R.